Apple News dallo Guggenheim’s Special Event di New York

Molte le indiscrezioni negli ultimi giorni sulle novità che sarebbero state presentate da Apple il 19 gennaio al Guggenheim Museum di New York. Tutte le indiscrezioni erano incentrate presentazione da parte della casa di Cupertino di un software per la creazione di ebooks secondo gli standard EPUB3.
Per chi non lo sapesse, questa strana sigla sta ad indicare una serie di regole rilasciate dall'International Digital Publishing Forum (IDPF) a cui sono invitati a conformarsi i produttori di ebook reader. Tale standard rilasciato nel mese di maggio del 2011.
 Tale formato offre molteplici vantaggi per lo sviluppo di libri elettronici:
  • supporto dei metadati (rendendo più facile la catalogazione e descrizione digitale dei libri elettronici, nonché la gestione delle successive versioni di un titolo);
  • supporto di alfabeti non-latini quali il giapponese, cinese e arabo;
  • migliore accessibilità per persone con handicap visivi, sincronizzazione audio-video;
  • migliore gestione touchscreen;
  • supporto di tutti i simboli grafici e matematici con MathML.
Da tempo Apple manifesta verso il settore educational un interesse pari a quello verso lo sviluppo della webTV.  Che lo dimostrano la presenza qualificata di grandi case editrici, McGraw-Hill prima di tutte e lo sviluppo del tablet a basso costo destinato ai paesi in via di Olpc XO-3, progettato dal gruppo del Media Lab di Nicholas Negroponte, e Ubislate 7+, sviluppato con i finanziamenti del governo indiano.
Per approfondimenti ed aggiornamenti live
Paperblog : le migliori informazioni in diretta dai blog